Laboratori di esperienza corporea 2018

Laboratori di esperienza corporea 2018

Dieci sabati all’anno a Milano

Per ritrovare contatto con sé ed energia con Alessandra Callegari

L’obiettivo dei laboratori di esperienza corporea 2018 – condotti da Alessandra Callegari e articolati in un percorso di dieci incontri all’anno – è di acquisire strumenti che ci permettono di avere un miglior contatto e più consapevolezza del nostro corpo, imparare a conoscerci accettando i nostri vissuti corporei ed emozionali, e gestire meglio la relazione con noi stessi e con gli altri, influendo positivamente sulla nostra vita quotidiana.

 

Incontri 2018: 27 gennaio, 10 febbraio, 3 marzo, 21 aprile, 19 maggio, 16 giugno;
8
e 22 settembre, 20 ottobre, 24 novembre.

Il percorso dei laboratori di esperienza corporea 2018 è riconosciuto come corso di aggiornamento da AssoCounseling, articolato in due corsi di cinque incontri l’uno (gennaio-maggio e giugno-novembre).

Costo: 50 euro a incontro; abbonamenti da 220 euro per 5 incontri, da pagare al primo incontro; o da 400 euro per i 10 incontri (sempre + iva). Per gli allievi ed ex allievi SIBiG la partecipazione rimane sempre libera.

I laboratori di esperienza corporea 2018 si svolgono presso Associazione Camminando, via Moroni 8, Sesto San Giovanni (a 100 metri dalla fermata MM1 di Sesto Rondò)

Informazioni: 339 5324006, info@counseling-bioenergetica.it

Un mix di Bioenergetica e di Gestalt

“Gli uomini pensano di risolvere tutto con la mente invece di ‘sentire’. Ma il sentire non ha a che fare con l’intelligenza o con la forza”: così diceva Alexander Lowen (1910-2008), medico e psicologo americano fondatore della bioenergetica, partendo dalla constatazione che siamo prima di tutto il nostro corpo. E il corpo esprime il nostro modo di essere nel mondo anche quando non ne siamo consapevoli o ne abbiamo solo una percezione superficiale.

Gli esercizi bioenergetici, strumento fondamentale dei laboratori di esperienza corporea 2018, permettono di sciogliere le tensioni muscolari, favorendo una maggiore elasticità e agendo positivamente contro lo stress; di ottenere un miglior radicamento, ovvero la capacità di “avere i piedi per terra”; di recuperare il piacere di esseri vivi e vibranti.

Abbinati ad altri esercizi mutuati da tradizioni diverse e da esperienza che si basano sulle intuizioni della Gestalt, accompagnati a volte dalla musica, ci danno la possibilità di prendere contatto con il corpo in modi diversi dal consueto e di “sentire” ciò che avviene durante le esperienze di movimento: dalle sensazioni fisiche alle sfumature emozionali sottostanti.